MARMO ALLEGGERITO

 

Il marmo alleggerito identifica un prodotto in marmo che ha guadagnato una riduzione del peso, grazie ad alcune tecnologie specifiche. Per quanto riguarda le lastre di marmo, si procede a renderne minimo lo spessore, dopodiché si rinforzano con adeguati materiali di supporto. Per quanto riguarda i prodotti monolitici come lavandini e vasche da bagno, la tecnologia e la lavorazione sono molto più complesse poiché non si tratta di oggetti piani ma tridimensionali.

Read more

MARMO BOTTICINO…UNA STORIA TUTTA ITALIANA

Formatosi tra 190 e 60 milioni di anni fa dal lento e continuo processo di sedimentazione, cementazione e ricristallizzazione di fanghi calcarei in un mare lagunare di età mesozoica il giacimento di pietra calcarea ad est di Brescia da cui si estrae, il Botticino Classico viene sfruttato da oltre duemila anni.

In epoca romana l’abbondanza di pietra e marmo nelle zona di Botticino fece si che si sviluppassero attività di estrazione e lavorazione del marmo che videro la nascita del primo modello di officine di tipo “industriale” ed è probabile che intorno alle cave sorsero villaggi per gli operai e le loro famiglie.

Read more
Altarini in marmo bianco e nero

Altarini

Continuiamo il nostro percorso ispirati dalla creatività dell’arch. Diego Granese.

La bellezza della pietra naturale abbinata ai sapori mediterranei e alla bravura degli chef del Team Costa del Cilento, ha fatto nascere questi nuovi altarini in marmo bianco e nero di cui siamo particolarmente orgogliosi.

Abbiamo provato a coinvolgere tutti i sensi: il gusto, la vista, il tatto, l’olfatto.

Per l’udito ci affidiamo alle onde del nostro Mediterraneo, ci penserà lui a completare la nostra opera!

Botta & Risposta con Gian Piero Santin fondatore di ARTE & STILI

Botta & Risposta con Gian Piero Santin fondatore di ARTE & STILI Limited, nata nel 2015 con l’intento di proporre soluzioni che suggeriscono l’uso di ceramiche artigianali vietriche.

Una realtà importante nella City con le radici di un’arte artigianale che mantiene i principi tradizionali della lavorazione a mano, dove il fitto spazzolone di colore rende ogni ceramica unica e irripetibile.

Il nostro piacere ospitare l’architetto Gian Piero Santin in questa rubrica per raccogliere una visione della contemporaneità.

Cosa significa esportare il “locale” in un’economia globalizzata?

Qualche anno fa ho avuto occasione di lavorare a Londra per la ristrutturazione di appartamenti. Fu allora che proposi materiale di ceramica Vietrese, utilizzata poi con grande successo. In questi anni a seguire ho continuato a sognare di esportare il bello della nostra economia ed oggi, che realizzo questo sogno, sono orgoglioso di contribuire, anche in minima parte, alla globalizzazione delle peculiarità di ogni parte  del mondo.

Come viene percepita l’arte artigianale di Vietri nella Capitale del business occidentale?

A Londra l’arte  artigianale italiana è già qualcosa di speciale (vedi pizza, pasta, mozzarella ecc.) e la ceramica Vietrese desta addirittura stupore: questa appare sul volto sorridente di tutti quelli che si affacciano alla vetrina del negozio da me aperto a pochi passi da Covent Garden.

Cosa significa essere imprenditori a Londra e quali le differenze con il fare impresa in Italia.

Sono solo agli inizi per definirmi un imprenditore, ma posso già affermare l’enorme differenza con il fare impresa nel giro di qu in Italia. Prima fra tutto l’inesistenza della burocrazia: le autorizzazioni previste si ottengono nel giro di qualche giorno, basta rispettare le regole richieste. Non è da poco il minore carico fiscale dovuto.

Il Made in Italy è ancora un valore distintivo rispetto alla produzione mondiale?

Come già sottolineato alla seconda domanda, il made in Italy per gli Inglesi (ma credo per tanti Paesi) è un valore distintivo di buon gusto, di espressione naturale del “Bel Paese” e, meglio, di solarità e allegria.

Dal suo osservatorio come vede il futuro del Design?

Il futuro del design è certamente positivo. Oramai quasi tutti hanno la propensione su tutto ciò che sia di “Design”. Avere oggetti o materiali di design è diventato come uno “status simbol”che solo pochi oggi sanno  privarsi.

All’ultimo salone del Mobile di Milano abbiamo notato un rilancio del settore con una passaggio fondamentale nell’area del design verso il Materico lasciando alle spalle un minimalismo che si è esaurito. Cosa ne pensa?

Ogni stile ha il suo tempo, anche se la mia idea di fare architettura si colloca bene con il minimalismo, credo che sia giusto variare. Il materico d’altro canto è certamente uno stile che troverà un grosso riscontro per quella sensazione di “calore” che diversamente il minimalismo non ha trasmesso.

A quali progetti si sta dedicando in questo momento?

Fortunatamente ho diversi progetti in Italia che mi vedono impegnato nella mia professione di Architetto, in particolare di una importante struttura sanitaria che si svilupperà di qui fino ai prossimi due anni.

Siamo partiti da un presente che dimostra una nuova ricerca del locale rispetto alla globalizzazione, ma cosa rimpiange passato?

Per carattere non ho mai rimpianto il passato perché ogni giorno c’è sempre qualcosa in cui credere fermamente e impegnarsi per ottimizzare i risultati sperati.

Botta & Risposta con Valeria Prete

Valeria Prete, Presidente del gruppo Design Tessile Sistema Casa di Confindustria Salerno; è imprenditrice creativa, intraprendente e visionaria.

La sua azienda TEKLA è la sintesi di un gruppo industriale dall’esperienza trentennale che si sviluppa grazie ad una continua spinta innovativa e una costante ricerca in campo tecnologico.

1 – Cosa significa fare “sistema” oggi?

Fare sistema significa coinvolgere, emozionare e trascinare.

2 Sistema Casa è una forma di aggregazione di aziende del gruppo Design & Tessile di Confindustria Salerno. Quali sono gli obiettivi di Sistema Casa?

L’obiettivo primario di quest’anno è la conoscenza. Condividere e divulgare maggiore conoscenza attraverso forme di cooperazione finalizzate allo scambio di esperienze, di informazioni e attività di ricerca orientate all’aggiornamento reciproco. Attraverso questa integrazione, il gruppo di lavoro, intende anche farsi conoscere di più sul territorio locale, sul mercato nazionale e internazionale.

  1. Che cosa deve fare Sistema Casa per motivare le PMI all’aggregazione

Il nostro compito è quello di stimolare e sostenere l’imprenditore verso la conoscenza e l’azione. Vogliamo condurre le PMI su questa visione. Pensiamo  che se restiamo concentrati su noi stessi, resteremo concentrati sul piccolo; se invece ciascuno di noi mette a disposizione una parte del nostro piccolo in comunione con i colleghi potremmo fare delle cose da grandi.

  1. Quale è stata la sua prima azione da Presidente e quale sarà la prossima?

Il primo intervento è stato orientato al coinvolgimento di tutti i componenti del gruppo. Abbiamo organizzato il Primo Contest Young Factory Design che ha visto coinvolti non solo le aziende aderenti a Confindustria Salerno ma anche e soprattutto numerosi giovani architetti del mondo del design, le Università, e noti studi di architettura.

La prossima azione sarà la presentazione dei progetti di questo Contest al Fuori Salone di Milano, zona Tortona, il prossimo 4 aprile.

  1. Siamo alle porte del prossimo Salone di Milano, ritiene che il Salone sia ancora strategico per il mondo del design?

Penso che sia una delle vetrine migliori per il mercato internazionale dell’Habitat & Design. Un momento di grande prestigio per il Design Italiano che espone; sarà una settimana ricca di creatività e di internazionalità.

Milano sarà per una settimana la Capitale mondiale del Design.

Noi saremo presenti con 10 aziende e 15 giovani professionisti che hanno collaborato contemporaneamente facendo sistema.

  1. Dal suo osservatorio come vede il futuro del design.

Domanda difficile. Il mondo del design è ricco di fascino, di creatività, proiettato verso l’originalità e l’unicità di prodotti e immagini che poi circonderanno i nostri occhi nel prossimo futuro.

  1. Valeria Prete oltre a essere un esempio come Presidente è imprenditrice visionaria e pragmatica. Ci racconti in due parole la sua azienda e con quali aspettative ha partecipato al B2B?

La mia azienda Tekla, si occupa di tutto ciò che riguarda le aperture di una abitazione sia nel residenziale sia nel terziario. Partecipa al B2B con l’interesse di sviluppare nuove relazioni su mercati emergenti. La qualità dei buyer presenti ci fa ben sperare.

 

Ringraziamo Valeria Prete per avere portato un contributo di qualità con il suo pensiero illuminato a questa rubrica.

Botta & Risposta con Marino Firmani

Marino Firmani, è un manager esperto di Marketing Internazionale in particolare nell’area Habitat & Design. Ricopre un ruolo di grande utilità per la PMI nella gestione di progetti di internazionalizzazione. Interviene in azienda con azioni, strumenti, relazioni e servizi tra loro coordinati per affrontare in chiave strategica i cambiamenti di mercato, necessari per operare nel contesto competitivo. Affianca gli Amministratori di Cianciullo Marmi per un progetto di internazionalizzazione.

Con lui abbiamo avuto l’occasione di conversare all’interno di questa rubrica.

In quale fase si trova oggi il mondo dell’arredamento?

L’anno che si è da poco concluso ci ha fatto respirare aria di rilancio e rinnovamento. Si è infatti esaurita l’epoca del design minimalista, che stava rischiando di giungere a una sorta di banalizzazione del prodotto. Ha quindi ripreso valore la materia, in particolare il legno e la pietra, abbinati a una tecnologia avanzata. Quest’ultima dimostra di essere sempre più presente nell’offerta targata “made in Italy”.

Che cosa deve fare oggi un imprenditore per essere competitivo nel settore Habitat & Design?

Il futuro per le nostre PMI passa attraverso la creazione di nuovi cicli di sviluppo commerciale determinati da percorsi distributivi internazionali, abbreviati, da consolidare e fidelizzare nell’ultimo miglio verso il cliente finale. Si crea sviluppo e crescita in uno scenario competitivo e frazionato come il nostro, attraverso la qualità delle competenze degli attori che dimostrano di essere in grado di generare valore dalle risorse disponibili. Per poter scegliere le competenze su cui indirizzare la strategia occorre una chiara visione del futuro, costruita su elementi distinti e riconoscibili dal mercato.

E’ necessario quindi  investire nell’internazionalizzazione?

Le piccole e medie imprese hanno minori capacità di investire nella creazione di piattaforme distributive o nella promozione del marchio, minori risorse per la ricerca e sviluppo di prodotti e processi competitivi, minore forza contrattuale con i distributori. Rimanere da soli oggi è più che mai penalizzante. Fare “Sistema” con alleanze complementari e territoriali aiuta a raggiungere maggiore solidità economica, adeguate risorse umane e di capitali da investire in internazionalizzazione e innovazione. Le nuove sfide della globalizzazione e le problematiche collegate all’attuale crisi economica hanno portato alla ribalta l’importanza della collaborazione in rete delle piccole e medie imprese, modello d’eccellenza e scommessa per il futuro. Infatti, le debolezze tipiche delle piccole e medie imprese non si ripropongono nei sistemi reticolari, grazie al rafforzamento delle conoscenze e delle competenze professionali, manageriali e organizzative.

La frammentazione del settore Habitat & Design è un limite o un vantaggio?

La frammentazione risulta essere un limite per la crescita un vantaggio per l’ingresso. Il settore di riferimento si caratterizza per una grande varietà di attori, sia a livello produttivo (mercato frazionato, senza leadership) che distributivo. Si differenziano fra loro per l’ampiezza geografica del proprio business (locale, regionale, nazionale o internazionale), per canale distributivo (B2B o B2C), per la tipologia dei materiali. Gli imprenditori del settore sono chiamati a sostenere un cambiamento gestionale e manageriale più che produttivo. I fattori di debolezza che minacciano la competitività delle imprese del settore in questo momento derivano da una ridotta cultura commerciale, una eccessiva concentrazione sul prodotto, che limita lo sviluppo del marketing, una relativa scarsità di investimenti in tecnologia e macchinari e le ridotte dimensioni al di sotto di una soglia minima per affrontare il mercato globale. I fattori che determinano il successo dell’imprenditore italiano nel settore sono sicuramente la qualità dei prodotti, la flessibilità produttiva e l’imprenditorialità.

La comunicazione digitale nel mondo del Design che ruolo ha assunto oggi?

Si deve comunicare nell’area B2B e nell’area B2C ma si devono aprire gli occhi sempre di più nel C2C e nel C2B. L’interazione con il consumatore è decisiva. L’integrazione  alla comunicazione tradizionale con la comunicazione digitale che parla “uno a uno” e “molti a molti”; questa diventerà decisiva. La comunicazione diretta al consumer è sostenibile prevalentemente con il WEB e i Social network.

L’ultima domanda è dedicata al futuro dei giovani imprenditori. Qual è il suo pensiero?

E’ necessario per i giovani imprenditori essere attrezzati per entrare con il piede giusto nell’Industria 4.0. Il mondo industriale si sta evolvendo così come tutto il panorama globale e le nuove tecnologie ne sono protagoniste. I grandi acceleratori del Sistema Manifatturiero, dai quali non si può prescindere sono: Automazione, Big-data, Connettività, Energia verde, Commercio Digitale e Intelligenza Artificiale. Il futuro è adesso, bisogna saperlo riconoscere.

Ringraziamo Marino Firmani per essere intervenuto in questa rubrica con il suo pensiero visionario.

1 2